recovery italia punti di forza

Come clonare un hard disk interno senza smontare il computer

Nel nostro post di oggi vediamo come clonare un hard disk interno senza smontare il computer.

Con ChallengerOS possiamo procedere con la clonazione del nostro hard disk senza disassemblare il notebook che lo contiene. Possiamo così acquisire la memoria di un hard disk senza dover smontare il computer.

Quando può essere utile una procedura che non prevede il disassemblaggio dell'hard disk dal computer?

Una procedura come questa è utile:

Nel caso specifico di oggi andiamo a clonare un hard disk contenuto all'interno di un notebook Lenovo, senza smontare il notebook stesso.

Inseriamo il cd con ChallengerOS ed accendiamo il Nostro notebook per dare avvio alla procedura di disk cloning con Challenger Rocket.
Non appena Challenger avrà terminato il boot del sistema operativo, appena pronto il desktop andiamo a collegare il drive Target al computer, tramite la porta USB (consigliamo l'utilizzo di una porta USB 3 per prestazioni migliori).

Lanciamo Rocket e creiamo un nuovo task scegliendo il pulsante Drive Cloning; diamo un nome al nostro Task e selezioniamo attentamente il drive Target, scegliamo poi il disco di destinazione prestando attenzione al seriale.

Per iniziare il processo di clonazione dell'hard disk interno premiamo il tasto Play; durante la fase di disk cloning tutti i settori del file sorgente saranno trasferiti sul Target di destinazione.
Il clone infatti sarà perfettamente speculare al sorgente.

Per facilitare la clonazione suggeriamo l'utilizzo di box performanti, dotati di USB3.

Possiamo anche analizzare il filesystem in real mode per verificare file e cartelle, mentre il drive trasferirà automaticamente i settori letti nel Target.

Consideriamo che il task di clonazione può essere interrotto e riavviato in qualsiasi momento; al riavvio ripartirà dal punto esatto in cui ci trovavamo.

ChallengerOS la progettazione di un sistema operativo rivoluzionario

ChallengerOS, nasce da una base di sistema operativo Linux, ovviamente, e ha come base slackware la distribuzione linux per antonomasia "un sistema puro" la qui limpidezza è cristallina e la cui stabilità è sconvolgente.

Importanza della clonazione dei dispositivi danneggiati nel data recovery

L obiettivo della clonazione è quello di mettere in sicurezza i dati creando un immagine su cui andare a lavorare per le operazioni di recupero dati; in tal modo evitiamo di esporre ad ulteriori rischi la memoria danneggiata. Clonare un dispositivo significa clonare la sua memoria.