Data Recovery Heroes.

Recovery Italia® può aiutarVi a risolvere con successo qualsiasi caso di perdita di dati.

preventivo immediato

Come recuperare i dati da SSD WD Blue SA510 the BLUE BUG

07/05/2024
BASIC KNOWLEDGE

Gli SSD Western Digital WD BLUE sembrano essere affetti da un nuovo gravissimo problema che si manifesta anche dopo solo qualche settimana dal primo utilizzo.

Il WD SA510 improvvisamente non viene più riconosciuto dal computer, non mostra il Serial Number e non sembrano esserci metodi per recuperare i dati contenuti.
Il problema sembra essere molto diffuso su questa classe produttiva, a tal punto che nel nostro centro ne sta ricevendo moltissimi anche con poche settimane di esercizio.

SSD NVME WD Blue

Diagnosi Tecnica del BLUE BUG

Apparentemente il problema dei WD SSD sembra essere di tipo elettrico, in quanto connettendo il drive ad una porta diagnostica SATA i registri non vengono mostrati affatto. Il comportamento dei segnali è molto particolare. In alcuni casi e' possibile che i registri non abbiano valorizzazione o improvvisamente inizino a blinkare.
Il registro Link Sata appare molto instabile e tale comportamento inibisce qualsiasi lettura perfezionata con metodi tradizionali.

Western Digital WD Blue Data Recovery

Effetto della instabilità dei segnali su SSD WD Blue

Un segnale SATA/ATA così instabile fa letteralmente impazzire un controller tradizionale, e non consente alcuna rilevazione da parte del computer o di adattatori USB.
Abbiamo notato che il collegamento su schede specializzate per data recovery in modalità PCI Express come PC-3000 o Challenger PCIe risulta essere completamente inefficace, in quanto il controller AHCI vengono programmati con una gestione degli interrupt.
L'effetto attacca-stacca prodotto dal BLUE BUG non puo' essere compatibile con un driver che gestisce code di interrupt in modo tradizionale.

Prodotto Retail WD Blue

Venduti a pochi euro ... ma quanto sono sicuri i WD Blue SSD ?

Metodi per recuperare i dati da SSD WD BLUE

L'analisi condotta su dispositivi WD affetti da BLUE BUG ha dimostrato che tali unità non potranno in nessun modo essere recuperate con metodi tradizionali, nè con software specializzati per windows ed è richiesto un approccio molto più creativo.

Rimozione delle FLASH Memory e lettura seriale delle pagine delle memorie

La rimozione delle memorie e la lettura seriale dei blocchi e la successiva ricostruzione del translator è pratica sempre possibile a condizione che si conoscano i pattern XOR applicati sulla flash memory e si conosca l'algoritmo di scrittura applicato.

E' tuttavia un percorso pieno di difficoltà in quanto le pagine contenute nelle memorie conterranno numerosi errori e sarà essenziale ricalcolare le ECC contenute nelle aree spare e verificare tutte le collisioni di Block Number in quanto il translator originale è andato irrimediabilmente perduto durante l'estrazione delle memorie.

WD Blue PCB Controller Sandisk

Il Wd BLue è costruito con controller Sandisk e una singola memoria BGA 152.

 

PCB Rebuild: Trapiantare Controller e NAND su una Scheda PCB Donatrice

Stazione Saldante BGA

Un metodo che potrebbe sembrare plausibile e teoricamente efficace è spostare i chip di memoria su un altro WD Blue identico.
In questo modo ci si aspetterebbe di superare eventuali problemi di danneggiamento della scheda elettronica senza la necessità di diagnosticare tutti i componenti elettronici.

E' importante sapere che il controller e le memorie NAND debbono essere dissaldate e risaldate sulla scheda nuovo allo stesso momento.

Per eseguire l'operazione di estrazione e riposizionamento dei chip è necessaria una stazione di rework di eccellente qualità che garantisca un distacco perfetto e una sequenza di preriscaldamento corretto. Successivamente sarà necessario eseguire il reballing con stencil per il controller e per la NAND e la successiva ricollocazione su PCB Donatrice.

Dai test condotti in laboratorio purtroppo il problema del Blue Bug persiste anche dopo il trapianto completo dei componenti, dimostrando che il problema è da ricercarsi altrove, come in un problema del firmware o un problema interno al controller.

Lettura del disco con driver ATA Modificato

Utilizzando una connessione diretta e accedendo ai registri in modalità PIO ( programmed IO ) è possibile notare che i registri risultano essere ancora accessibili e la periferica risponde ai comandi seppur rispondendo con errori.
Anche se il disco risponde con errori abbiamo notato che la consistenza dei buffer dati è corretta ed i settori possono essere recuperati senza errori CRC.
Una soluzione per il recovery potrebbe essere rappresentata da una lettura lineare del WD BLue prodotta con software come MHDD o Victoria che funzionano esclusivamente in Windows 98 o XP con un sistema di bypass delle porte IO.
Tale lettura potrebbe risultare efficace in termini relativi, ma la prestazione del disco è incredibilmente limitata ed un recovery di un disco da 1 TB potrebbe durare settimane.
E' tuttavia possibile realizzare un driver specializzato in grado di consentire una lettura selettiva delle zone, isolando gli elementi di file system ed estrarre i metadati essenziali per determinare le posizioni dei file.
Con un software dotato di virtual translator agganciato al driver personalizzato è possibile estrarre le informazioni e ricostruire file e cartelle.

Conclusioni

i Wd Blue SSD con form-factor 2.5 pollici hanno avuto una ottima diffusione sul mercato, in quanto validi sostituti per dischi tradizionali per laptop.
Le ottime prestazioni ed il prezzo concorrenziale ne hanno decretato il successo a livello mondiale.

La loro costruzione in realtà è completamente realizzata da terzi e Western Digital si limita semplicemente a brandizzare un prodotto forte del suo incredibile mercato.
L'unità Wd BLUE sembra essere affetta da un gravissimo bug che si manifesta anche dopo poche settimane dall'acquisto, rendendo il drive inaccessibile a qualsiasi computer. Test di laboratorio hanno dimostrato che il difetto è da ricercarsi nel controller principale "Sandisk".
Benchè il tipo di danno su queste unità non consenta alcuna interazione software e processo di recovery tradizionale, è stato sviluppato un protocollo di lettura hardware specifico che consente il recupero dei file da queste unità senza la necessità di interventi elettronici o letture seriali basate su chip-off.

Hai bisogno di aiuto o di maggiori informazioni ?

Contatta il nostro call canter o inviaci una richiesta di assistenza a info@recoveryitalia.it. I nostri esperti sono a tua completa disposizione per una consulenza gratuita.

numero verde recovery italianumero verde recovery italia
numero verde recovery italia numero verde recovery italia
Il futuro del recupero dati : hard disk tradizionali e hard disk ssd , risultati,costi e difficoltà tecniche

Gli SSD o dischi a stato solido sono la sfida del futuro. Dispositivi come hard disk alla vista, ma diversi per l assenza di meccanica. Recuperare dati da SSD ? tutt ora molto complesso, uno studio in costante aggiornamento. Il Nostro know how ci permette di assicurarti il miglior risultato.

Pendrive e SSD vengono recuperati in camera bianca?

Un mito da sfatare quello per cui tutti i dispositivi sottoposti ad operazioni di recupero dati devono essere trattati in camera bianca. Pendrive e SSD vengono recuperati in camera bianca? La risposta del tutto negativa.

Come recuperare i dati da un SSD che non viene riconosciuto dal PC: ecco le soluzioni più efficaci

Quando un SSD (Solid State Drive) smette improvvisamente di essere riconosciuto dal computer, una situazione frustrante che pu portare alla perdita di dati importanti. Normalmente su questo disco viene installato il sistema operativo e i software per le task di cui ti occupi abitualmente, ma negli ultimi modelli di laptop e desktop notiamo anche che tale memoria sostituisce completamente l?

Guida completa Riparazione Hard Disk Western Digital Esterno My Passport

In questa guida viene illustrata la procedura di riparazione di un hard disk esterno passport non riconosciuto

Come recuperare archivio fotografico da un disco esterno rotto

Nell’era digitale in cui viviamo, gli hard disk esterni sono diventati fondamentali per la conservazione dei nostri ricordi più preziosi: dalle foto di famiglia agli archivi di lavoro, tutto può trovarsi su questi dispositivi.

Come recuperare le VHDX criptate da Ransomware Rhysida

Il nuovo attacco da ransomware rhysida interessa ambienti HYPER-V con la cifratura ed il blocco delle virtual machine vhdx. Recovery Italia ha sviluppato un prototipo specializzato per l'analisi e la decryption delle vm

Come recuperare un hard disk esterno con elettronica o PCB bruciata

Tra i problemi più gravi a cui potrebbe andare incontro un hard disk, e che può seriamente mettere a rischio la conservazione dei dati che contiene, c’è la bruciatura di alcuni suoi componenti, tra cui la scheda PCB.

Recovery Italia® GROUP

DATA RECOVERY SERVICE SRL
Via del Fosso Centroni, 4 Roma (RM)
PIVA.: 14931361001

Sede di Roma Sud

Via del fosso centroni, 4
00118 ROMA
Call Center 39 06 98357672
Email: info@recoveryitalia.it

METRO A ANAGNINA
Sede di Roma Prati

Via Attilio Regolo 19
00192 ROMA
Call Center 39 06 98357672
Email: info@recoveryitalia.it

METRO A LEPANTO
Sede di Milano

Via Dante, 16
21221 Milano
Call Center 39 02 00611518
Email: info@recoveryitalia.it

METRO M3 MISSORI