recovery italia punti di forza

App Android e Sicurezza Smartphone

app Android

Avrai certamente notato quanto continuamente si aggiornino le app di Android sul tuo smartphone. All’interno dello store di Google Play vi sono quasi 4 milioni di App di ogni genere. Abbiamo intitolato il nostro post di oggi affiancando ad “App di Android” la parola Sicurezza, ancora una volta parliamo di smartphone e sicurezza. In questo caso non parliamo di sicurezza dei dati, o meglio, non solo, ma la tematica a cui ci riferiamo è quanto le App di Android siano sicure e quanto possano esporre a rischi il nostro smartphone Android.
In altri post ci siamo soffermati su quanto l’aggiornamento continuo di App e l’utilizzo quotidiano del nostro smartphone Android espongano la memoria interna al rischio di usura e degradazione. Torneremo su questo argomento in seguito, dopo aver parlato di come le App possano andare a mettere a rischio la sicurezza del nostro telefono Android.

Prima di tutto ricordiamo che Android è un sistema aperto esposto a rischi malware e virus che possono aggredire il sistema mediante l’accesso alla rete (come accade sui nostri Pc) o mediante le App. Anche se scarichiamo le App e vi accediamo dallo store di Google potremmo riscontrare qualche problema quando parliamo di app che prevedono al loro interno open source vulnerabili in termini di sicurezza. Certamente Google è costantemente al lavoro per mettere al riparo i propri utenti da qualsiasi vulnerabilità e possibile falla in termini di sicurezza, e possiamo riporre fiducia nel gigante della rete rispetto alla protezione dei propri utenti.

Iniziando il nostro post di oggi abbiamo parlato di sicurezza delle App di Android rispetto allo smartphone. A cosa ci riferiamo? Qualsiasi utente Android avrà certamente notato quanto insistenti possano essere le notifiche delle App del nostro Play Store quando costantemente ci richiedono o avviano automaticamente l’aggiornamento. Avrai notato quanto frequente l’updating delle App di Android possa essere, ti sei dunque chiesto se questo possa sottoporre la memoria ad uno sforzo ed un lavoro consistenti? La risposta è Si.
Tutti noi immaginiamo che l’azione di aggiornare le App sia qualcosa che sia d’obbligo fare, ovvero qualcosa che il sistema richiede per poter funzionare al meglio. Certamente per certi versi lo è, ma cosa succede a bordo della memoria interna del nostro smartphone con gli aggiornamenti continui delle App? Avrete certamente notato che dopo un utilizzo costante delle nostre App lo smartphone cominci spesso a diventare sempre più lento, seguito dal crash delle App o l’impossibilità di accedere ad alcune di esse. Il rallentamento cronico dello smartphone potrebbe arrivare a renderlo completamente inaccessibile.

Una situazione di degrado della memoria interna del telefono Android (tecnicamente conosciuta come memoria flash) potrebbe essere legato proprio al sovraffaticamento, se così possiamo definirlo, della memoria interna del dispositivo.

recupero dati smartphone Android

La memoria che si trova all’interno di uno smartphone ha una caratteristica tecnica poco piacevole, ovvero quella di essere concepita per avere una durata a termine, tutt’altro dunque che durare per sempre. Certamente quanto lungo sia la durata di questa vita è rapportato e alla qualità delle memoria e a quanto questa venga utilizzata. Un uso intensivo dello smartphone di certo non aiuta a mantenere “giovane” la memoria, ma contribuisce certamente a deteriorarla ed usurarla nel tempo. Puoi trovare maggiori dettagli leggendo il seguente articolo :

https://www.adnkronos.com/magazine/cybernews/2018/04/09/super-memoria-che-allunga-vita-tuo-smartphone_zfLLpKE1o3G88BDTkYvakN.html?refresh_ce

Il continuo aggiornamento delle App di Android sottopone a dura prova lo smartphone; per capire quanto stiamo dicendo basta pensare a quante App ogni giorno chiedono l’aggiornamento, mettendo a dura prova lo stato della memoria scaricando continuamente migliaia di nuovi file.

Cosa possiamo fare dunque per non concorrere al degrado della memoria dello smartphone Android?

Un consiglio che potrebbe sembrare banale è quello di bloccare gli aggiornamenti automatici ed avviare l’aggiornamento manuale soffermandoci sulle App che ci interessa aggiornare. Bloccare tutti gli aggiornamenti automatici la memoria del nostro smartphone avrà un riscontro positivo sul lavoro della memoria interna al nostro smartphone Android perché lo sottoporrà ad uno sforzo minore. Numerose delle nostre procedure di recupero dati su dispositivi Android sono richieste proprio su smartphone inaccessibili a causa del danneggiamento e dell’usura della memoria interna.
Abbiamo sentito qualcuno parlare di installare antivirus sul cellulare ma ci teniamo a precisare che è del tutto da ritenersi inutile. Prima di tutto ricordiamo che, come abbiamo già detto all’inizio del nostro post, Play Store provvede già alla sicurezza dei nostri smartphone ed evita di esporli a rischi. E’ importanti che le fonti da cui si scaricano le App siano esclusivamente quelle verificate da Play Store o siti ufficiali.

Non soffermatevi neppure sulla posizione in classifica dell’App che cerchiamo perché si basa solo ed esclusivamente sul numero di utenti che ha effettuato il download e non sulla sicurezza; il numero di download dunque può essere del tutto casuale e soprattutto definito da un pubblico non consapevole.