recovery italia punti di forza

Recuperare dati da hard disk SCSI in Raid 5 con ChallengerOS e Rocket

Vediamo oggi come recuperare dati da un hard disk SCSI in Raid 5 con ChallengerOS e Rocket. Gli hard disk SCSI sono particolarmente idonei ad essere letti con il sistema ChallengerOS così come i modelli SAS.

Utilizziamo una scheda SCSI Adaptec 2940, colleghiamo uno ad uno i nostri hard disk SCSI ed andiamo a creare le immagini disco dei drive con Challenger Rocket.

Diagnosi preliminare in laboratorio

Il Raid 5 di oggi si compone di sei unità disco SCSI Seagate.

Ognuna delle unità disco ha mostrato qualche errore al livello di superficie.

Andiamo a verificare dunque come andare ad intervenire per recuperare i dati dal sistema Raid 5 SCSI con ChallengerOS e Rocket.

Andremo a sottoporre a lettura ogni singola unità disco facente parte del sistema Raid.

L'attività tecnica

Per la lettura dei nostri hard disk SCSI utilizziamo una vecchia scheda SCSI Adaptec 2940 che, seppure lenta, è molto compatibile e tollerante con i vari setting di drive SCSI, dunque risultano davvero essere l'ideale per il recupero dei dati. Tale tipologia di scheda può essere installata su qualsiasi scheda madre PCI 32.

Colleghiamo l'hard disk SCSI con un adattore LVD e numeriamo i nostri hard disk man mano che vengono letti, per l'assemblaggio successivo del Raid per poi far partire il nostro ChallengerOS.

Dopo aver verificato la presenza del drive SCSI come periferica, selezioniamo il primo disco della nostra catena Raid ed andiamo ad aprire un nuovo task per la creazione dell'immagine del disco 1.

Durante la fase di cloning con Challenger Rocket tutti i settori vengono copiati su un unico file immagine che sarà posizionato nel task creato.

Ripetiamo dunque l'azione di cloning su tutti gli hard disk SCSI appartenenti all'array.

Valutazioni e conclusioni finali

La creazione delle immagini clone di tutte le unità disco ci permettono di lavorare in tutta sicurezza per il recupero dei dati. Il recupero dei dati non viene mai avviato in maniera diretta dagli hard disk, bensì è opportuno lavorare sulle immagini speculari dei dispositivi per ridurre qualsiasi rischio sugli hard disk originali.

Challenger PCI Board , la straordinaria scheda hardware per recuperare hard disk danneggiati

Challenger PCI Board consente la connessione in modo fisico al computer di un hard disk danneggiato.

Rocket, la soluzione definitiva per il recupero dati da hard disk danneggiati

Con Rocket puoi recuperare personalmente i dati persi dal tuo hard disk danneggiato. Rocket offre la possibilita di diagnosticare lo stato del dispositivo, e recuperare i dati come in un Laboratorio tecnico.

Recupero Dati hard Disk SCSI con problemi firmware

Recovery italia interviene su qualsiasi problematica e su qualsiasi tipologia di supporto. In questo elenco vengono segnalati tutti i modelli SCSI Seagate che presentano notoriamente problemi di firmware.

Recupero dati hard disk SCSI

Le Nostre strumentazioni ci permettono di intervenire per il recupero dei dati su qualsiasi interfaccia hard disk, come quella SCSI. L interfaccia SCSI (Small Computer Common Interface), e progettata per trasferire file bus. Possiamo intervenire a qualsiasi livello di perdita dati da drive SCSI