recovery italia punti di forza

Recuperare dati da hard disk Seagate Barracuda F3

Vediamo oggi come recuperare dati da un hard disk Seagate Barracuda F3 affetto dal noto problema busy lock.

Utilizzeremo il nostro sistema Challenger Rocket per le procedure di sblocco, fix del firmware e i comandi di post configurazione per il recupero dei dati. Ci serviremo di una versione gratuita di ChallengerOS e di un adattatore seriale UART USB (CP2102 chip).

Sintomatologia

L’hard disk Seagate Barracuda F3 non viene riconosciuto da alcun sistema operativo tradizionale.

Il nostro utente utilizza il drive in ambiente Windows.

Diagnosi in laboratorio

Il nostro reparto tecnico ha definito immediatamente lo stato evidente di busy lock noto sulla categoria Seagate a cui appartiene il nostro drive di oggi.

In condizioni tali la procedura di recupero dati implica la necessità di sblocco del drive, fix del firmware e preparazione del dispositivo al data recovery.

Attività di recupero dati

La prima attività è quella di rimozione del jumper dal bus di diagnostica; connetteremo poi il nostro adattatore Seagate all’adattatore UART USB per verificare lo stato di connessione del nostro drive.

Procediamo alla rimozione di tutte le viti dell’elettronica dell’hard disk eccetto quelle di contatto con il gruppo testine. Tale operazione sarà indispensabile ai fini di isolare i contatti del motore dell’hard disk Seagate Barracuda. Isoleremo il motore con un cartoncino prestando molta attenzione nel sollevare l’elettronica. Siamo pronti ora ad alimentare l’elettronica e lanciare Rocket.

Stabiliamo la connessione con il nostro Seagate F3, mettendo il drive in modalità Sleep assicurandone così lo spegnimento; dopo aver rimosso il cartoncino che isola il motore possiamo riavvitare la vite, per poi procedere allo Spinup del drive dal Seagate Terminal .

Attendiamo dunque qualche secondo affinchè il Seagate sia operativo per ricevere i primi comandi di Reset della Smart e di rigenerazione del translator, specifica per il fix del busy lock.

Laddove il drive non risponda ai comandi di fix del busy lock dopo lo spin up, dovremo riavviare il drive semplicemente togliendo l’alimentazione e ricollegandola. In questo caso il drive non risponde al nostro comando di rigenerazione del translator; possiamo rimuovere la tensione alla pcb senza alcun rischio.

Procederemo poi al reboot dell’elettronica e ci riconnettiamo al Terminal con il comando fallito in precedenza. Il drive ha risposto al comando con successo, ripristinando cosi il terminale di comunicazione.

Per una migliore performance del data recovery riavviamo il drive sempre con l'alimentazione, eseguendo il set up del drive e disabilitando eventuali processi in background e la riallocazione dei settori. Questo ci servirà in caso di settori danneggiati in lettura: il drive è perfettamente funzionante una volta riavviato; connettiamo a Rocket e alla PCI board, ed accediamo al nostro drive, Possiamo notarne il perfetto funzionamento.

Valutazioni e conclusioni finali

Con ChallengerOS siamo in grado di leggere ed interpretare il Drive Seagate Barracuda F3 di oggi in busy lock. Il drive non veniva rilevato da alcun sistema operativo tradizionale.

Con Rocket abbiamo provveduto allo sblocco del firmware per poi procedere al data recovery dei file con Virtual Translator.

In questa fase siamo perfettamente in grado di aprire i file e verificarne il perfetto funzionamento.

Il nostro Seagate è perfettamente funzionante ed ha ripreso a pieno lo stato di operatività.

Diventa anche tu un esperto nel recupero dei dati.

Scarica ChallengerOS

ChallengerOS il sistema operativo specifico per il recupero dei dati

Prova la potenza di ChallengerOS e Rocket, il rivoluzionario sistema operativo per il recupero dei dati da hard disk e dispositivi di memoria danneggiati.
ChallengerOS puo' trasformare qualsiasi computer anche datato in una potente stazione di data recovery.
Informazioni su ChallengerOS